Home | Nuova direttiva contro i ritardati pagamenti

Nuova direttiva contro i ritardati pagamenti

03/03/2011

Direttiva 2011/7/UE contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali
Il 24 gennaio 2011 il Consiglio dell'Unione Europea ha approvato in la nuova direttiva europea sui ritardati pagamenti, pubblicata in seguito, il 23 febbraio, sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea.
A partire dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che ha reso definitiva l'approvazione della Direttiva, il nostro Paese ha 2 anni di tempo per integrarla nella normativa nazionale.

La tematica dei ritardati pagamenti è sempre molto accesa, soprattutto perchè mette a rischio la sopravvivenza di molte piccole-medie imprese di costruzione, che lavorano per la Pubblica Amministrazione e non ricevono i pagamenti dovuti.
Questa situazione genera pesanti ripercussioni su tutta la filiera fino ai produttori di calcestruzzo preconfezionato che a loro volta non ricevono i pagamenti per le forniture.

Il testo europeo sottolinea la necessità di interventi rapidi per garantire pagamenti tempestivi da parte della P.A. Le Associazioni di categoria faranno pressione perchè il Governo proceda ad un rapido recepimento della Direttiva e, di conseguenza, alla revizione della normativa italiana in materia di pagamento nei lavori pubblici.

Principali disposizioni della nuova Direttiva
Pubblica Amministrazione, come regola generale dovrà pagare entro il limite massimo di 30 giorni, con la facoltà di estenderlo fino a un massimo di 60 giorni. Se la Pubblica Amministrazione non paga entro i termini stabiliti, sarà applicato un interesse di mora pari al tasso della Banca Centrale Europea maggiorato dell’8%.
Contratti tra privati, nei contratti tra imprese rimane la completa libertà contrattuale mentre, qualora non sia fissato alcun termine nel contratto, questo dovrà intendersi di 30 giorni. In caso di ritardato pagamento sarà applicato il tasso di interesse concordato tra le parti. Tuttavia, una clausola che preveda la rinuncia totale a tale tasso dovrà intendersi, normalmente, come abusiva.

Scarica il testo completo della Direttiva Europea
Perchè iscriversi:
  • iscrizione gratuita
  • iscrizione alla newsletter di Netconcrete che consente di ricevere gli aggiornamenti tecnici e tante altre notizie importanti riguardanti il mondo dell’edilizia.
  • utilizzo del dizionario tecnico italiano-inglese online in cui è possibile usufruire di un dizionario completamente dedicato all’edilizia, di grande utilità per il mondo del lavoro e della scuola
  • inserire la tua azienda nel nostro database: netconcrete è un ottimo strumento economico per la promozione delle imprese.
Iscriviti a NetConcrete
* Nome:
* Cognome:
* E-mail:
Professione:
* Provincia:

Sei un'Azienda?

Nome Azienda:
Indirizzo:
Sito Web:
Breve descrizione:
Campi obbligatori *