Home | I SOLAI NELLE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI

I SOLAI NELLE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI

05/02/2010
netconcrete it i-solai-nelle-nuove-norme-tecniche-per-le-costruzioni-n111 007

SOLAI: BLOCCHI FORATI IN LATERIZIO E BLOCCHI DIVERSI DAL LATERIZIO SECONDO LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI.

Premessa.
Con le nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (DM 14/01/2008), l'aspetto progettuale riguardante gli elementi di alleggerimento nei solai ha assunto una nuova connotazione.
Nello specifico decreto ministeriale, le disposizioni relative ai solai si riducono a pochissimi concetti riportati nel paragrafo 4.1.9 che, a sua volta, rimanda alle indicazioni più generali del cap. 4.1 “Costruzioni in calcestruzzo”.

I capitoli delle norme riguardanti i solai.
Sostanzialmente il cap. 4.1.9 distingue due tipologie di solai in base al materiale impiegato per l’alleggerimento: 

1) solai misti di c.a. e c.a.p. e blocchi forati in laterizio (§ 4.1.9.1 - NTC); 
2) solai misti di c.a. e c.a.p. e blocchi diversi dal laterizio (§ 4.1.9.2 - NTC).

Secondo la normativa, i blocchi in laterizio hanno funzione di “alleggerimento” e/o di “aumento della rigidezza flessionale” del solaio e si suddividono, rispettivamente, in blocchi non collaboranti e blocchi collaboranti.

Blocchi non collaboranti.
In tal caso la resistenza allo stato limite ultimo è affidata al calcestruzzo ed alle armature ordinarie e/o di precompressione.

Blocchi collaboranti.
Viceversa in questo caso essi partecipano alla resistenza strutturale in modo solidale con gli altri materiali.


Per quanto riguarda, invece, i blocchi diversi dal laterizio, a tali elementi è dichiaratamente affidata esclusivamente la funzione di alleggerimento. Questi particolari blocchi, che possono essere in calcestruzzo (leggero, di argilla espansa), in polistirolo, in altre sostanze plastiche, in materiali organici mineralizzati ecc, devono essere dimensionalmente stabili, non fragili e in grado di seguire le deformazioni del solaio.


Altrettanto generica è la parte introduttiva del punto C.4.1.9 della Circolare n. 617/2009, Istruzioni per l’applicazione delle NTC di cui al DM 14/01/2008. In essa, si chiarisce che ai solai è affidato il compito di garantire la resistenza ai carichi, verticali e localizzati, e la rigidezza nel proprio piano al fine di distribuire correttamente le azioni orizzontali tra le strutture verticali. Il progettista, dunque, ha il compito di verificare che le caratteristiche dei materiali, delle sezioni resistenti, nonché i rapporti dimensionali tra le varie parti, siano coerenti con tali aspettative.

Nota bene.
A tale scopo, egli deve accertare che: 
a) le deformazioni risultino compatibili con le condizioni di esercizio del solaio e degli elementi costruttivi ed impiantistici ad esso collegati;

b) il rapporto tra la sezione delle armature di acciaio, la larghezza delle nervature in conglomerato cementizio, il loro interasse e lo spessore della soletta di completamento sia adeguato, in base alle resistenze meccaniche dei materiali, in modo che sia assicurata la “rigidezza nel piano”, evitando il pericolo di effetti secondari indesiderati.
 

Perchè iscriversi:
  • iscrizione gratuita
  • iscrizione alla newsletter di Netconcrete che consente di ricevere gli aggiornamenti tecnici e tante altre notizie importanti riguardanti il mondo dell’edilizia.
  • utilizzo del dizionario tecnico italiano-inglese online in cui è possibile usufruire di un dizionario completamente dedicato all’edilizia, di grande utilità per il mondo del lavoro e della scuola
  • inserire la tua azienda nel nostro database: netconcrete è un ottimo strumento economico per la promozione delle imprese.
Iscriviti a NetConcrete
Nome *
Cognome *
E-mail *
Professione
Provincia *

Sei un'Azienda?

Nome Azienda
Indirizzo
Sito Web
Breve descrizione
Campi obbligatori *